Blog

...diventa anche tu PiroBlogger! ;-)

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Bloggers
    Bloggers Cerca il tuo blogger preferito da questo sito.
IMG 5644-001
E’ opinione comune tra gli amanti delle feste patronali far coincidere i solenni festeggiamenti in onore di Maria SS. di Costantinopoli, patrona della Città di Bitritto in provincia di Bari, con l’apertura del lungo ed affascinante viaggio nelle nostre splendide piazze vestite a festa per onorare i Nostri Santi Patroni e Protettori, viaggio che si concluderà nel mese di novembre con i Solenni Festeggiamenti in onore di San Trifone ad Adelfia (Ba).Di seguito alcuni Cenni storici sul Culto di MARIA SS. di COSTANTINOPOLI (Fonte Wikipedia)Secondo una antica leggenda dell'abate Gregorio, la traslazione dell'icona di Maria SS. Di Costantinopoli, chiamata anche Odegitria, avvenne nell'anno 733, durante il periodo delle lotte iconoclaste, ad opera di alcuni monaci greci brasiliani che, per evitare che l'immagine fosse distrutta, decisero di portarla a Roma.Durante il viaggio, però, fecero naufragio ed approdarono a BARI. Era il primo martedì di marzo di quello stesso anno 733. I monaci interpretarono l'avventura del loro naufragio come la precisa volontà della Vergine a restare in quel luogo e portarono la sacra icona nella cattedrale per offrirla alla venerazione del popolo, stabilendo di celebrare ogni anno, in quel particolare giorno e con solennità, l'avvenimento. Venerazione che a loro volta gli Arcivescovi baresi...
Continua a leggere
in tradizioni 4212 0
0
Buon pomeriggio a tutti gli utenti di Pirovagando.it, meglio conosciuti come Pirovaghi.Oggi posto alcuni video che ho pubblicato nel mio canale, con il "patrocinio" di Pirovagando.it, il sito pirotecnico italiano per eccellenza.I filmati riguardano gli spettacoli pirotecnici della Vara di Messina di diversi anni fa. Cinque video che raccontano la storia e l'evoluzione della scuola pirotecnica siciliana. In questo articolo pubblico gli spettacoli pirotecnici del 15 agosto 1998 e 2005 eseguiti dalle ditte:F.lli Ferlazzo da Messina (1998 e 2005)Costa Vito da Barcellona Pozzo di Gotto (Me) (2005)Giuseppe D'Amplo da Mineo (CT) (2005) F.lli FERLAZZO - 15 Agosto 1998 F.lli FERLAZZO - 15 Agosto 2005 COSTA Vito - 15 Agosto 2005 http://www.youtube.com/watch?v=zvQHETR4vC8 D'AMPLO Giuseppe - 15 Agosto 2005 ...
Continua a leggere
in tradizioni 1601 0
0
Si chiama "Facciamo la Vara dal basso", l'iniziativa che il comune di Messina ha intrapreso per organizzazione della Vara 2013, la festa più cara alla città che attrae diverse migliaia di persone da ogni parte del mondo. La pesante crisi economica, notizia di questi giorni, sta mandando in stanby tante bellissime feste patronali in tutta Italia riducendo ancora di più nello sconforto tantissima gente, che, per almeno un paio di giorni l'anno poteva svagarsi senza pensare alle difficoltà del quotidiano. La nuova amministrazione comunale ha deciso, vista l'imminenza dei festeggiamenti ferragostani in onore dell'Assunta, vista la poca disponibilità economica nelle casse comunali, di attivare un conto corrente bancario dove ogni libero cittadino può fattivamente contribuire alla buona riuscita della manifestazione. Di questi tempi sembra paradossale che un ente possa chiedere un contributo economico ai propri cittadini, già tartassati dalla crisi, ma ciò sta anche ad indicare che la collettività può fare tanto, e che non ci vogliono cifre ciclopiche per realizzare una grnade manifestazione si religiosa, ma anche folcloristica, culturale e storica. Beh questo potrebbe essere d'esempio per chi in questo momento non sa dove reperire i fondi necessari per organizzare la festa patronale del proprio paese e città.  "Fatta la...
Continua a leggere
in tradizioni 3573 0
0
Premessa" Ti saluto San Trifone sei l'angelo celeste in ciel si fan le feste per un'eternità… " Le Feste Patronali in onore dei Santi Patroni o Protettori, patrimonio culturale del nostro sud, trovano la loro massima espressione nella città di Adelfia - Montrone da sempre considerata la " città dei fuochi pirotecnici di qualità ", la Madre di tutte le feste che da tempo immemore accoglie con il grande calore  di sempre i suoi tanti figli che qui giungono per rendere omaggio al Santo Patrone e Martire Trifone.Una devozione antichissima quella dei Montronesi per il Santo Martire che sin da bambino si consacrò con diligenza allo studio della Sacra Scrittura e della conoscenza del Santo Vangelo, una venerazione cominciata dopo la peste del 1770 in cui nella tradizione orale è stata riportata la notizia che al'alba del 10 novembre i malati di peste cominciarono a sentirsi meglio.Nel 1783 fu realizzata l'immagine del Santo per opera del noto scultore andriese Riccardo Brudaglio, il Santo è presentato come un guerriero, anche se dall'aspetto dolce, in quanto certamente ogni martire è un soldato che difende con il sangue la propria fede.E' ad Adelfia che giugono i tanti appassionati ed intenditori di fuochi d'artificio, che hanno...
Continua a leggere
in tradizioni 5476 0
0

Premessa

Il lento passo dei fedeli che scalzi e con grossi ceri tra le braccia volgono il loro sguardo verso le Sacre Immagini dei SS. Medici Cosma e Damiano, momenti unici ricchi di pietà popolare che da sempre contraddistinguono la festa esterna in onore dei Santi Taumaturghi che si svolge nella città di Bitonto (Ba) la terza domenica di ottobre.

Brevi cenni storici sulla vita dei SS. Medici

I Santi Medici Cosma e Damiano ( Cirro, Siria , 303 ) sono ritenuti dalla tradizione due gemelli di origine araba , medici in Siria e martiri sotto l'impero di Diocleziano, avrebbero subito un feroce martirio, così atroce che su alcuni martirologi è scritto che furono martiri cinque volte.  La Chiesa Cattolica celebra la loro memoria liturgica il 26 settembre e nella città di Bitonto in tale data vi è una forte partecipazione di fedeli alle celebrazioni liturgiche. Ma la grande festa, la cosiddetta " festa esterna " che si celebra la terza domenica di ottobre è capace di richiamare nella cittadina barese una moltitudine di pellegrini che sin dalle prime ore della giornata si incamminano , anche a piedi , dai paesi limitrofi per giungere nei pressi del Santuario ed attendere l'uscita delle venerate immagini. La processione di ottobre fu fissata nell'anno 1733 dalla Curia vescovile di Bitonto ad opera del parroco don Giuseppe Carlo Minnuto per permettere alle popolazioni rurali di terminare tutte le attività legate alla campagna vinicola.

Continua a leggere
in tradizioni 5258 0
0
 

Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti.

Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori info: Per saperne di piu'

Approvo